lunedì, giugno 26, 2006

La fine della settimana?

Dopo una settimana di lavoro (del suo), ti aspetteresti di poter passare un weekend senza rotture di scatole, magari da soli, spaparanzati sulla spiaggia a ubriacarsi di sole e mare. Non è poi chiedere tanto: due giorni, sabato, domenica..

Abboniamo la sera. Ci sono le partite. Il Mondiale di calcio capita solo ogni quattro anni.. e sia.

Ipotechiamo il sabato mattina: c'è l'ultima partitella a calcetto della stagione. Almeno fino a Settembre/Ottobre non se ne riparlerà probabilmente.. e sia.

Arrivati al mare, sono già pronta a scappare in spiaggia dopo aver salutato tutti.. E no! Bisogna aspettare un tale che venga a prendersi il vecchio tavolo da disegno. E' pesante. Serve aiuto per calarlo dal terrazzino al terrazzo, e poi, giù per le scale. Effettivamente è pesante.. e sia.

Finalmente alle 5 si va in spiaggia!

Arriva una telefonata. Domenica mattina vado a pesca con l'amico mio. Lui sta attraversando un brutto periodo, ha problemi di salute (e non solo), e poi è da tanto che non lo vedo. Ci alziamo alle 6, al che io penso, Almeno il pomeriggio rimane per me. Vado in spiaggia in compagnia, bagno, sole, riposino.. ma non è lo stesso.. continuo a pensare che fra poco mi raggiungerà. Ho anche preso l'ombrellone per passare le ore più calde in spiaggia.. gli altri salgono su a casa a mangiare, io aspetto (mi sono portata la frutta apposta per non risalire le scale).. aspetto.. m'addormento.. mi risveglio, sigaretta, che caldo! leggo un pò.. mi riaddormento.. mi risveglio, sigaretta, acqua!! Di lui non c'è traccia.. le 15,30.. le 16,00.. le 16,30.. non ce la faccio più.. torno a casa. Lui arriva un'ora dopo. Mi guarda sapendo già che cosa lo aspetta. Da incazzata nera, son passata a delusa e triste. Lui lo sa, sa di aver fatto tardi e sa quanto questo mi faccia irritare. Non dico nulla. Mi chiudo come al solito in mutismo e rassegnazione. E' quasi ora di partire. Impacchetto la roba, saluto tutti e ce ne torniamo in città a votare.

Proprio un bel fine settimana del cazzo. Evvaffanculo a quella barca dimmerda.

Nessun commento: