lunedì, settembre 21, 2009

Progressi di Viola.. conquiste di mamma e papà



L'estate 2009 sarà ricordata per tanti motivi, la maggior parte, se non tutti, ottimi motivi. Dalla nascita di Alice, alle prime conquiste di Viola e della sua indipendenza.

Normalmente (dico normalmente perchè così mi dicono altre mamme, oltre a vederlo di persona), la nascita di un secondogenito porta non pochi scompigli nella vita del primo arrivato e ci si aspetterebbero regressi da parte di quest'ultimo. Non so se è dipeso dal suo carattere, dal suo costante "faccio da sola", o dalla bravura dei suoi genitori, ma Viola, con la nascita di Alice, non è affatto regredita. Anzi.

Innanzitutto, e non è da poco, le abbiamo tolto il pannolino diurno. E' iniziato pian piano, dopo il suo compleanno (fine marzo), quando i miei cari amichetti (Kappa, Lisa, Ermanno, Raffaele), su mia indicazione, le hanno regalato il vasino (a forma di ippopotamo). Per lei era un gioco: sedersi ogni tanto lì sopra, far pipì e, guardando il suo prodotto con aria soddisfatta, dirci "ho fatto la pipì" solo per sentirsi dire "brava!". Non succedeva tutti i giorni, solo quando lo decideva lei. Un po' alla volta ha aumentato la frequenza, ma solo per la pipì. Se le chiedevo di farci anche la cacca, lei si rifiutava, voleva per forza farla nel pannolino. Nè io, nè il suo papà l'abbiamo forzata: lei è così. Ogni cosa a suo tempo. Odia le forzature. Ma credo che questa non sia solo una sua prerogativa.

Poi un bel giorno, ha deciso di fare anche il bisognino più grosso nel vasino. Da quel momento, anche se non tutte le volte, lei diceva "papà cacca" e il papo la metteva a sedere sul vasino.

Arrivata l'estate, il caldo, i vestitini leggeri (a volte inesistenti), il coraggioso papà ha deciso che era tempo di mandarla in giro per casa a culo all'aria. Dico papà, perchè io con la nascita di Alice avevo ben poche forze (fisiche e di volontà) per starle dietro, controllare che non la facesse in giro per casa, svuotare il vasino a cosa fatta, lavarlo e rimetterglielo al suo posto pronto per la successiva urgenza urinaria.

Il papo è stato bravissimo. Ovviamente, quando bisognava uscire e durante la pennichella del pomeriggio, il pannolino ce l'aveva sempre. Anche finchè è andata al nido, gliel'ho continuato a mettere. Non volevo accellerare troppo il processo di spannolinamento: non volevo rischiare una ricaduta. I bambini si mortificano tantissimo quando si fanno la pipì (figuriamoci la cacca) sotto. E così è passato il mese di luglio.

Agosto è stato per me il mese più faticoso degli ultimi anni. Ma di questo ve ne ho già parlato.

A Settembre Viola è tornata al nido. E io ho ricominciato a respirare. Il primo giorno di scuola, tuttavia è stato un disastro: le hanno cambiato 4 mutandine, di cui una sporca di cacca. Quando sono andata a prenderla, una delle signore che si occupa di loro me lo ha detto (purtroppo davanti a lei). E Viola è scoppiata a piangere. Lei non piange mai quando cade e si fa male. E quando l'ho vista in lacrime, avrei tranquillamente commesso un omicidio se non fossi stata occupata a calmare la mia piccola patata. Ma il giorno dopo (e in quelli successivi) è andato tutto bene. La maestra ha pensato bene di metterle il vasino in vista.

Insomma, lo spannolinamento ha avuto grande successo. Oddio.. tremo sempre quando la metto a letto per la pennichella pomeridiana senza pannolino, o quando partiamo per lunghi viaggi in macchina sempre senza pannolino (non vi dico quante volte ci siam fermati in corsia di emergenza perchè lei la cacca la fa a rate), o quando facciamo lunghe passeggiate per la città quando sei costretta a farle fare i bisognini come i cani.



Altra novità dell'ultima settimana, con grande gioia mia e di papo, Viola è tornata a dormire nel suo lettino. Quantomeno non mi ritroverò più con un piede tra le costole alle tre di notte.. speriamo solo di non ricadere nell'errore per la seconda volta con Alice. Ho già cominciato a provare a farla addormentare da sola.. dopo un po' di strilli e pianti, pare che la cosa funzioni.

giovedì, settembre 17, 2009

mercoledì, settembre 09, 2009

Di e Al: una differenza sostanziale di euri



Si sa. Le spese per un bimbo sono tante. E la maggior parte delle cose essenziali sono soprattutto care. Care non al cuore, ma al portafogli.
Se c'è una cosa che sbanca sempre, quelle sono le scarpe. Si può fare economia su tante cose: i pannolini, i vestiti.. ma sulle scarpe no. O si rovinano i piedini. Questo ovviamente è solo il mio parere.

In periodo di sconti, ho fatto un giro per i vari negozi di calzature baby. Per poco non mi prendeva un infarto al vedere i prezzi (già scontati) esageratamente alti per un paio di scarpe che mia figlia Viola (che adora rotolarsi per terra e strusciare il collo del piede a terra) distruggerebbe in pochi giorni. Dai cinquanta agli ottanta euro: sono queste le cifre (risottolineo scontate) di cui sto parlando.

E così ho rinunciato, nella speranza di un colpo di fortuna che infine è arrivato.

Stamattina, passeggiando con Alice in mezzo al mercatino del Mercoledì del mio quartiere, ho trovato un banco accattivante: scarpe per i bimbi.

Per farla breve, ho preso due paia di scarpe autunno/inverno. Il prezzo di mercato è di 76,80€ e 58,00€. Il prezzo al mercato è stato di 20€ al paio. Decisamente meglio.

Buona botta di culo anche a voi, mamme!

martedì, settembre 08, 2009

Visita Pediatrica (3)



Tagliandino mensile per Alice. E' ufficiale: è una cicciona!

Peso: 5,450 kg (+1,330kg) !!!!
Altezza: 55,5 cm (+3cm)
Circ. Cranica: 39 cm (+2,3cm)

Questi i dati di Viola al secondo mese:

Peso: 4,850 kg (+700gr)
Altezza: 55 cm (+3)
Circ. Cranica: 40 cm (+2)

Ma me ne ero già resa conto tenendola in braccio che iniziava a pesicchiare un tantinello! E poi Viola non ricordo abbia mai avuto la piega a mezzo braccio.. nonchè tre patate!

Entro il mese tocca fare l'ecografia alle anche e, se non le prende il raffreddore, anche la prima vaccinazione la prossima settimana.

venerdì, settembre 04, 2009

E, per una volta, la cicciona nella foto non sono io!



Io e Alice.
Foto scattata ieri dalla zia Pacca ;D
Se non ci fosse lei..

E sul tema "sovrappeso" facciamo un po' il riepilogo e diciamo quello che le donne non dicono mai: ovvero, oltre all'età, quanto pesano.

Prima della prima gravidanza pesavo 88kg. Poi, guardando la foto mia e di Chiara con Alanis, ho deciso che forse era tempo di mettersi a dieta e son riuscita a calare fino ad 82kg. E sono rimasta incinta. Poco prima che mi togliessero Viola dal panzone pesavo (di nuovo) 88kg: un successone, visti gli andazzi generali. Una delle dottoresse che ho conosciuto aveva addirittura preso 30kg in gravidanza! Un mese dopo la nascita di Viola ne pesavo 77kg. Ma poi, causa fame atavica dovuta all'allattamento, li ho ripresi tutti, tornando ai temuti 84kg. Tanto pesavo quando sono rimasta incinta per la seconda (terza) volta. Ma al termine, poco prima che Alice venisse estratta dal panzone, ne pesavo 83kg.

A due mesi dalla nascita di Alice, peso (e ne vado tanto fiera) 72kg. Questa volta l'allattamento non mi frega. E cavolo!

martedì, settembre 01, 2009

August Chronicles

A Luglio i piani per il temibile mese di Agosto erano diversi da come poi è andata in realtà. Ma tutto sommato, ce la siamo cavata bene e, come vedete, ne siamo usciti tutti interi.

Bojano, CB


Innanzitutto, ho dovuto anticipare la visita dai miei, in quel di Bojano, causa malore (inizialmente grave, poi risoltosi per il meglio) del mio babbo. Ho colto la palla balzo, sfruttando le due settimane di sosta bojanese per ritornare all'opera e scattare un po' di foto al Matese Friend Festival, la piccola Woodstock del Molise.

Il papino è rimasto con noi solo per il weekend. Il resto della settimana siamo rimaste noi donne con i nonni, le zie e le cuginette: in un modo o nell'altro, me la sono cavata senza grossi problemi.

Grande è stata per me l'emozione, quando ho visto Viola impugnare la matita in modo corretto!



Pensavo di rimanerci ancora, ma al papino gli è presa la malinconia e la casa a Roma gli sembrava un deserto senza le sue donne. Così, subito dopo l'ultimo concerto siamo ripartiti e tornati nell'afa della capitale.

Roma
La seconda settimana di Agosto è stata un inferno per me. Non tanto per il caldo che notoriamente infuoca la città, quanto per lo "smazzamento" di due pupe: l'una continuamente attaccata alla sisa della mamma, l'altra (di riflesso) ripetutamente attaccata alla gonna della mamma. Sono riuscita a cavarmela con il lavaggio di piatti, attività molto amata da Viola visto che può giocare con l'acqua. L'uscita pomeridiana dopo le cinque era anche un altro modo per tentare di riprendere fiato, al contrario del riposino post-pappa: mentre Viola crollava davanti ad uno dei suoi film (Madagascar 1 e 2, L'Era Glaciale 1 e 2, Kung-Fu Panda), Alice decideva invece che era ora di rimanere sveglia, magari torturata da un po' di aria nella pancia, con mia somma desolazione..

Appennino, MC


L'arrivo del Venerdì della seconda settimana è stato un giorno di giubilo. Finalmente si riparte per le vacanze, insieme al papino che può godere di una settimana di ferie. Il periodo di Ferragosto l'abbiamo così trascorso, com'è tradizione per il papino, ad Appennino (MC), paese con una tale escursione termina da obbligarmi a portare vestiti di ogni genere per me e le pupe. Un bagaglio che non aveva nulla da invidiare a quello della principessa.

Viola s'è divertita da matti ai danni del papino che però alla fine non ha per nulla disdegnato di essere torturato, Alice m'ha massacrato. E' stata anche la prima partecipazione di Viola alla Maratonina storica di Appennino: è arrivata terzultima, tra lagnette varie. Poteva fare di meglio, se solo si fosse sciolta un po'. E invece no, sempre e costantemente attaccata alla gobba del povero papino.

Ho iniziato a riciclare i vestitini di Viola, ma suo padre è stato spettacolare. Il giorno dedicato ai giochi per i più piccoli al Parco Petrucci, la tartaruga femmina di casa ha deciso che era tempo di scappare e mollare i due maschi a farsi ricchi solitari. Quando erano con noi, c'è sfuggita 2 volte, ma l'abbiamo sempre ritrovata. Questa volta è stato impossibile, vista la posizione geografica del luogo della sparizione. Sarà rotolata giù dal dirupo :(
Insomma.. il papino è andato comunque alla ricerca della povera fuggitiva, infangandosi e sfregiandosi. Nulla. Poi di corsa, ha rivestito Viola reduce dal sonnellino pomeridiano per portarla al parco. Dei tanti vestiti che le avevo portato, il papino è stato capace di infilarle i pantaloni della tutina tanto amata: quella della foto in testa al blog, quella per pupi di 3 mesi. Viola, di mesi, ne ha ormai 29. Vedere per credere:



Povero papino: massacrato da me, da sua figlia e da sua madre, ognuno a modo suo e per un motivo diverso. Una giornataccia!



Festeggiata la cuginetta Lara e i suoi due anni, salutati zii e cugini in partenza per la Grecia, siamo andati in giro per la provincia: Visso, Ussita, Macereto. Ovunque ci fosse un parco con dondoli, scivoli e altalene c'eravamo anche noi.


Visso


Ussita


Macereto

Il migliore? Quello di Ussita, dotato anche di teleferica.

A Pieve Torina, invece, ho scattato una delle foto migliori (forse, ditemi voi): i ciclisti della domenica



Borgo Sabotino, LT
Terminato il paragrafo montagna, siamo partiti, nel mezzo della terza settimana di agosto, alla volta del mare: Borgo Sabotino, o meglio Foce Verde.



E qui Viola ha ritrovato il suo habitat naturale: l'acqua. Purtroppo non ci sono scatti in merito: ho provato ad andare in spiaggia con loro, ma con Alice e l'enormità di roba da portarsi dietro non m'ha fatto godere nemmeno quel mezzo bagnetto che mi son concessa.

Nel weekend c'hanno poi raggiunto il cugino e la sua donna e, il sabato, gli amici per festeggiare con notevole anticipo sul solito ritardo, il compleanno di Lisa (che è a Maggio, ma in genere lo festeggiamo a Novembre insieme al mio e a quello di Kappa).

Roma
Quarta Settimana di agosto. A Roma. Stesso caos della seconda.

Borgo Sabotino, LT
L'ultimo weekend di agosto siamo tornati al mare. Tutto bene, fino all'ultimo giorno, lunedì, quando Viola ha deciso di saltare il riposino pomeridiano. Un disastro.

Ma almeno in questo vai e vieni, un traguardo sembra che l'abbiamo raggiunto: Viola ha detto addio al pannolino (tranne quando dorme, ovviamente).

Oggi, 1 Settembre, torno a respirare: il papino al lavoro, Viola al nido, Alice nel lettino a dormire e io con il mio spazietto ritrovato. Mi pare di avervi detto tutto.. credo.